"About Mozart"

[indietro]

Ministero per i Beni e le Attività Culturali

Regione Autonoma della Sardegna, Assessorato alla Cultura

Comune di Sassari, Assessorato Cultura e Turismo

Fondazione Banco di Sardegna

Provincia di Sassari, Assessorato alla Cultura

 

 
Polifonica S.Cecilia
e
Associazione Blue Note Orchestra


Presentano


“ABOUT MOZART”
                


Musiche da WOLFGANG AMADEUS MOZART

di

Giovanni Agostino Frassetto, Marco Tiso, Gabriele Verdinelli

 

ORCHESTRA  JAZZ DELLA SARDEGNA direttore: Marco Tiso

POLIFONICA  SANTA CECILIA direttore del coro: Gabriele Verdinelli

 

SASSARI 21 GIUGNO 2006

CHIESA DI S.MARIA IN BETLEM Ore 21

 

Ha inizio, con una co-produzione tra l’Associazione Blue Note Orchestra e la Polifonica Santa Cecilia, l’attività concertistica 2006 dell’Associazione Blue Note Orchestra – Orchestra Jazz della Sardegna.

Il 2006, ricorrenza dei 250 anni dalla nascita di Mozart, è oggetto di celebrazioni e festeggiamenti in onore del grande compositore cui è difficile sottrarsi, ma, cercando di evitare la retorica che in genere sottende tali celebrazioni, il progetto “About Mozart” che la Polifonica Santa Cecilia e l’Orchestra Jazz della Sardegna propongono come attività comune per il 2006, parte dall’idea che la musica di Mozart non sia moderna solo per la propria capacità di sapersi universalmente imporre anche ai giorni nostri, ma che abbia in sé una forza propulsiva e uno stimolo creativo immediato anche per gli artisti odierni, cercando di evitare la retorica dei festeggiamenti e ripensando invece alla figura del grande compositore in un’ottica che non sia solo la semplice riproposizione di un’opera tra le più straordinarie dell’ingegno umano.

L’opera è il risultato del lavoro di tre artisti (Gabriele Verdinelli, Marco Tiso e Giovanni Agostino Frassetto) che hanno elaborato composizioni per coro e orchestra jazz ispirandosi ad alcune tra le più belle pagine sinfonico-corali di Mozart, tratte dal Requiem in Re minore, dalla Messa in Do minore, dal Vesperae Solemnes de Confessore. Le composizioni, tutte di nuova creazione, contengono l’intervento corale della composizione originaria cui s’ispirano, in una fusione stimolante tra linguaggio classico e jazz.

Gli autori hanno interpretato l’impegnativo omaggio relazionandosi col brano originario, in un gioco di rimandi e di sovrapposizioni, che rende interessante e originale l’intervento artistico evitando in ogni modo lo sterile citazionismo.

Non è certamente casuale la scelta dei brani originali: la Messa Kv 427, monumento grandioso e incompiuto, è stata sottoposta nel corso degli anni a vari tentativi di completamento e orchestrazione, ed assai incompleto Mozart lasciò anche il Requiem Kv 626, forse il più celebre assemblaggio di sublime e di falso della storia della musica. Non è invece incompleto il Vesperae (da cui è stato tratto il Laudate Dominum) e il celeberrimo Ave Verum, ma si tratta proprio delle ultime composizioni sacre terminate dall’autore, in un interessante confronto che riguarda la parte finale della propria produzione sinfonico-corale.

L’utilizzo dell’idioma e degli organici del jazz non è nuovo per operazioni del genere: da Bach in poi, vari autori della musica classica sono stati utilizzati dal linguaggio musicale moderno per eccellenza che, iconoclasta e onnivoro, assimila e rielabora qualunque materiale. Ma la presenza del coro (che esegue rigorosamente solo le parti originali di Mozart) costituisce sicuramente una novità: un esperimento che è sicuramente e prima di tutto un atto d’amore verso alcune delle più belle pagine di musica mai scritte.

 

Giovanni Agostino Frassetto. Direttore dell’Orchestra Jazz della Sardegna, titolare della cattedra di Jazz presso il Conservatorio di Musica di Sassari, presente in numerose collaborazioni artistiche con alcuni dei più grandi artisti della scena europea.

 

Gabriele Verdinelli. Direttore artistico della Polifonica Santa Cecilia, direttore di coro e d’orchestra, autore di musica eseguita in vari festival internazionali e vincitore per due volte del primo premio al concorso internazionale di composizione per orchestra “Scrivere in Jazz”.

 

Marco Tiso. Compositore, direttore e arrangiatore tra i più stimati e importanti a livello europeo, vincitore anche lui del concorso “Scrivere in Jazz” e con innumerevoli collaborazioni con artisti e orchestre internazionali.

 



21/06/2006 Sassari - Chiesa di S.Maria di Betlem 22:00

 

"About Mozart"

Orchestra Jazz della Sardegna - Direttore: Marco Tiso

Luca Lanza: Sax alto e soprano

Dante Casu: Sax alto e clarinetto

Massimo Carboni: Sax tenore

Teodoro Ruzzettu: Sax tenore e clarinetto

Marco Maiore: Sax baritono

Raffaele Polcino, Luca Uras, Pietro Pilo, G.Sanna Passino: Tromba

Gavino Mele, Roberto Chelo: Corno

Salvatore Moraccini, Emiliano Desole, Maurizio Ligas: Trombone

Mariano Tedde: Pianoforte

Roberto Tola: Chitarra

Alessandro Zolo: Contrabbasso

Luca Piana: Batteria

 

Polifonica Santa Cecilia, direttore Gabriele Verdinelli

< News Associazione Blue Note Orchestra >