Jazz Te Deum
oratorio per soli, coro, orchestra jazz
musiche di Giorgio Gaslini, Bruno Tommaso, Gabriele Verdinelli

testi di Pietro Sassu
voci: Maria Pia De Vito, Paolo Pecchioli, Andreana Demontis

Sacred Concert
oratorio per soli, coro, orchestra jazz 
testi e musiche di Giorgio Gaslini 

voci: Andreana Demontis, Paolo Pecchioli

Orchestra Jazz della Sardegna
Polifonica Santa Cecilia
direttore
Giorgio Gaslini
 

Introduzione


Il Te Deum è l'inno della SS. Trinità e fa parte della liturgia delle ore. Solitamente viene eseguito come canto di ringraziamento per particolari solennità e tipica è la sua collocazione tra i riti della fine dell'anno.
La scelta di commissionare una composizione sacra che celebrasse idealmente la fine del secolo (e del millennio) e l'inizio del nuovo non poteva quindi che cadere sul popolare inno.
Ma in un periodo di facili e spesso retorici festeggiamenti accanto alla gioia dovrebbe essere sempre presente la memoria che, ricordando gli errori del passato, aiuti la speranza nel futuro.
Su queste indicazioni è stato costruito un libretto dove, accanto al testo tradizionale del Te Deum, compaiono i versi di alcuni autori "laici", versi comunque carichi di intensa spiritualità, di una forte tensione etica e dell'orgogliosa denuncia della difficile condizione umana.
La significativa presenza di poeti di lingua sarda sottolinea la forte impronta di originalità del progetto: Il "Jazz Te Deum" nasce in Sardegna e non può che nutrirsi della sua cultura. Cultura presente anche negli elementi musicali etnici comuni che i compositori hanno utilizzato nella realizzazione della partitura.
Forse sarebbe più corretto parlare di partiture: in effetti, pur se accomunati da un testo letterario e da alcuni spunti musicali, il lavoro di tre compositori appartenenti a diverse generazioni e a culture e origini assai differenti non può che dare un risultato piuttosto eterogeneo. Ma proprio nel confronto delle differenze sta il senso ultimo di un'opera del genere: confronto tra la cultura laica e quella religiosa, tra autori di epoche differenti su temi simili, tra compositori che guardano e interpretano da punti di vista differenti.
Il linguaggio del jazz è in questo senso ideale; una musica per sua natura inclusiva ed eclettica, varia nelle forme e negli stili, capace di assorbire le più varie esperienze: la poliritmia africana e la polifonia europea, il canto etnico e la musica bandistica, la canzonetta e le più audaci avventure della musica colta.
La natura sperimentale di un lavoro unico nel suo genere e con pochissimi precedenti similari non è ovviamente esente da rischi.
Tuttavia se dai vari confronti scaturirà un inizio di dialogo, se anche dei brevissimi momenti saranno capaci di suscitare emozioni, avremo raggiunto il nostro scopo.
Il programma è completato da un altro brano in prima esecuzione assoluta: il "Sacred Concert", scritto da Giorgio Gaslini in occasione dell'anno giubilare per la Polifonica S.Cecilia e l'Orchestra Jazz della Sardegna.
E' un ideale omaggio alle analoghe composizioni di Duke Ellington e costituisce la personale e commossa testimonianza di fede di una grande personalità del Jazz contemporaneo. 
Sacred Concert-Jazz Te Deum è stato pubblicato in compact disc per la etichetta Soul Note nel 2002
(vedi CD Sacred Concert-Jazz Te Deum)
 

Recensioni


Il sacro in jazz di Gaslini & co. di Antonio Ligios (La Nuova)
Jazz Te Deum - Sacred Concert di Vittorio Franchini (JazzItalia)
Sinfonia per il terzo millennio di Silvana Porcu (La Nuova)

 


Organico tipo musicisti OJS nel concerto "Jazz Te Deum-Sacred Concert"

 

Aldo Nicolicchia  Giovanni Agostino Frassetto - Flauti

GianPiero Carta - Sax alto e clarinetto

Dante Casu Sax alto e clarinetto basso

Massimo Carboni - Sax tenore

Teodoro Ruzzettu - Sax tenore e clarinetto

Marco Maiore - Sax baritono

Raffaele Polcino, Luca Uras, Pietro Pilo, Antonio Meloni - Trombe

Gavino MeleRoberto Chelo - Corni

Salvatore Moraccini, Emiliano Desole - Tromboni

 Maurizio Ligas - Trombone basso

 Mariano Tedde - Pianoforte

Roberto Tola - Chitarra

Alessandro Zolo - Contrabbasso

Luca Piana - Batteria

 

Programma

 

JAZZ TE DEUM
 

Per soli, coro e orchestra jazz

Libretto di PIETRO SASSU
da Pierpaolo Pasolini, Melchiorre Murenu, Peppino Mereu, Girolamo Savonarola


Prima Parte

musica di GABRIELE VERDINELLI
 

Te Deum Laudamus
coro e orchestra


Un esercito accampato 
voce sola e quartetto


 In sas pischinas impuras 
voce etnica e orchestra
 


Te gloriosus apostolorum chorus

coro, tromba sola e orchestra
 

 

 

 

Seconda Parte

musica di BRUNO TOMMASO 


Guaglione 'e mala vita
coro e orchestra


L'urli des Cichis
soli e orchestra
 


Tu ad dexteram
coro e orchestra

 


Terza Parte

musica di GIORGIO GASLINI


Rughe pesante
baritono, coro maschile e orchestra
 


Onnipotente Iddio
voce etnica, coro femminile e orchestra


Aeterna fac cum Sanctis Tuis
(Si Ti mira)
coro e orchestra


Dignare Domine (Miserere nostri)
coro e orchestra
 


E' un brusio la Vita 
voce sola e orchestra


In Te Domine speravi
soli, coro e orchestra

 




SACRED CONCERT

 

per soli,coro e orchestra jazz

 

Testo e musica di Giorgio Gaslini


 Domine, labia mea aperies
coro, contrabasso e orchestra
 


Prima di tutto
soli, coro e orchestra
 


Il Tunnel
baritono e orchestra


Asperges me, Domine Hyssopo
coro e contrabbasso


Voci-Spero
soli, coro e orchestra
 


Redde Mihi
coro, contrabbasso


Inno
soli, coro e orchestra
 


Ecco (acrostico finale)
coro